Archive for the 'Scriba' Category

Page 2 of 2

Nel mezzo del cammin di nostra vita

Mi ritrovai in una scelta dura
In quanto la semplice via era finita.

Oddio, se penso all’arte futura
Mi vengon i brividi sempre più forte
Perché è deserto, non pianura.

Una mappa di tile prevede la mia sorte
32×32, la vita mi complicai…
Nel precedente gioco eran 16×16, piuttosto corte!

Potrei ben dirvi quanto impiegai
a far la pixelart che ho sotto aggiunto.
Tre giorni, ti dico, e ora vedrai.

***

Finito il poema, possiamo parlare del mio ultimo pezzo. Non è soltanto un pezzo di pixelart, o un’altra 640×480 qualunque. E’ la dimostrazione di ciò che scrissi nel precedente intervento: ho il vaccino. E già so, come ho scritto invece nel poema, la mia prossima fatica: un tileset di tile grandi 32×32 (in rpgmaker 2003/2000/95 erano 16×16) in tema desertico, ovvero la prima ambientazione di Scriba.

Questo, in ogni caso, è il diario del protagonista, molto in stile Oblivion (più vai avanti nel gioco, più cose vengono scritte, e puoi sempre consultarlo premendo la J di journal, perché la D di diario è già occupata).

in-game

Tre giorni, son parecchio soddisfatto. Al diavolo i ringraziamenti alla fine! Devo ringraziare mio fratello per l’idea della texture del cuoio, ma ancor più Daniela, per gli infniti consigli su questo pezzo (le pieghe del nastro segnalibro, le macchie di inchiostro sul calamaio, la striscia di inchiostro sempre sullo stesso e l’ombra della penna sul diario).

Pezzo senza scritta:

diario32

Voglio portare la vostra attenzione su qualche piccolo dettaglio:

dettaglio5

dettaglio1dettaglio2dettaglio3dettaglio4

Finito! Scriba – Game title

Finalmente questo dannato pezzo è finito. Carestia, sangue, morte e disperazione.

Sapete, ad ogni nuovo pezzo provi divertimento, e affini le tue tecniche, anche dopo aver raggiunto il limite della bravura (che chiaramente non esiste, ma si pensa di toccare… o forse si accarezza soltanto la ghiandola di piacere del proprio ego) e, come se non bastasse, si ha fame.

Sì, provo fame alla fine di ogni pezzo, ma mai abbastanza forte da costringermi l’alzata da questo meraviglioso letto, ultimamente provvisto di un esagerato piumone. Detto questo, quando si maneggia una lama a doppio taglio, ci si fa male.

La seconda lama è la stanchezza, l’improvviso cessare di apportare modifiche. Improvvisamente gli occhi si fanno ciechi, abbastanza da non poter notare quelle piccole imperfezioni che ti danno tanto l’aria di elegante perfettino, quell’aria che ti distingue dai mediocri. O forse sono i baffi daliniani.

10248-salvador-dali

Per fortuna questa lama è arrugginita. Per fortuna? Potrebbe essere sia un bene che un male! Dopo un’estenuante sessione di lavoro è facile perdere la voglia, in maniera pressocché totale, di continuare come si stava facendo. Nessun piacere nel proseguire con l’arte, nessun piacere nel proseguire con il touchpad, più nessuna idea, o tante mille altre idee stagnanti perché non si ha la voglia di fare.

Questo è l’effetto della ruggine. Minor male, ho il vaccino dell’antitetanica!

124001ingame-screenshotlogo2

Ecco qui, dovrebbe esserci tutto… pezzo finale, gif del processo (mi dispiace Enrico, nessuna supergif. Sarebbero stati 124 frame in totale, circa una trentina di mega), titolo e screenshot del gioco in RPG Maker XP.

http://pixeljoint.com/pixelart/38702.htm

[WIP] Scriba – Game title

Torniamo a parlare di cose serie!

Come molti, ho la passione per un tool chiamato RPG Maker XP, uno dei tanti programmi che ti permette di progettare i tuoi videogame senza bisogno di conoscenze di programmazione alcune. Conoscendomi, sapevo che sarei arrivato a tanto, ovvero mirare in alto, puntare a creare un gioco con la grafica fatta da me. D’altronde, seppur alle prime armi, sono un pixelartist.

Bene, ho già fatto diversi pezzi, ma voglio concentrarmi in particolare sul Game Title, ovvero la classica schermata di inizio del gioco, dove viene solitamente chiesto >Gioca >Continua ed >Esci. Questa è la tipica schermata di un Game Title creato con questo tool: http://xs127.xs.to/xs127/08221/title683.jpg Non guardate la grafica, è completamente personalizzabile.

Bene, questi Title sono in 640×480, quasi sempre una risoluzione sfida per ogni pixelartist, soprattutto i meno esperti. In ogni caso, questo è ciò a cui son venuto a capo, fino ad ora:

86Concetto - Un ragazzo con i capelli rossi e la coda di lucertola sta seduto su di una mano gigante, che si è estesa da un albero, per permettergli di scrutare l’orizzonte.

Il breve menù delle opzioni di gioco andrà in basso a destra, e il logo del gioco (Scriba) in alto, lo posizionerò più accuratamente quando sarà finito.

E’ una vera e propria impresa, 640×480 non sono pochi. Sono 307100, oh aspettate, il riporto di uno. Sono 307200 pixels. Nel tempo che ho impiegato per arrivare a questo punto dieci iceberg si sono sciolti. Lo so, è colpa mia; avrei potuto fare qualcosa per fermarli… nah, preferisco muovere il touchpad.

Per il momento sono a 90 steps contati (l’ho iniziato ad ottobre). Critiche e suggerimenti da quei pochi che leggeranno queste pagine sono apprezzati, giusto per rendere onore a quei dieci iceberg morti nel processo.